Blog: http://GiovanniGambaro.ilcannocchiale.it

L'ABC della riforma elettorale

Io da iscritto ed elettore ho a cuore e vorrei chiedere al mio partito due cose precise, senza entrare nel merito di 'quale legge elettorale'. 
Se quelle due cose sono rispettate va bene (o mi faccio andar bene) qualunque legge elettorale.

Queste due cose sono:

1. i DEPUTATI li scelgono ed eleggono gli ELETTORI
2. i GOVERNI li scelgono gli ELETTORI, e dunque vanno espressi PRIMA delle elezioni.

Insomma NO a deleghe in bianco ai partiti per negoziare il programma di governo e le alleanze dopo le elezioni in barba alla volontà degli elettori. Se fra gli elettori e i partiti c'e' distanza, disaffezione e sfiducia le ragioni sono tante. Prima fra questa l'incapacittà ormai pluridecennale di REALIZZARE quanto dichiarato. 
Bisogna ricucire questo strappo e le prossime elezioni sono già fuori tempo massimo. 


Dunque chi è eletto deve dipendere dagli elettori che EFFETTIVAMENTE e INDIVIDUALMENTE debbono poterlo NON rieleggere.

Il programma di governo deve essere espresso prima delle elezioni e il programma vincente DEVE ESSERE REALIZZATO dopo le elezioni. Dunque non puo' essere il programma di un singolo partito ma quello di una alleanza di governo.  

Ogni arzigogolo partitocratico sarebbe la rovina definitiva. Del paese.

Pubblicato il 2/4/2012 alle 16.7 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web