.
Annunci online

POLITICA
22 gennaio 2012
Le Primarie e l'Assemblea del Pd

Ieri "di fronte alla fiducia, chiesta da Bersani, e all’impegno di celebrare le primarie, dato per acquisito anche da Rosy Bindi, non abbiamo chiesto il voto sull’ordine del giorno". 

Non parlo di delusione: avrei scommesso un bel po'... diciamo una birra per ciascuno dei delegati presenti... sul fatto che alla fine non ci avrebbero permesso di votare.

E in questo caso il punto non sono solo le Primarie. E' che troppo spesso, praticamente sempre, Presidente e Segretario fanno in modo che l'Assemblea non voti.

Lo fecero con Marino sul nucleare, lo fecero con Ichino sul lavoro, lo fanno oggi con Civati sulle primarie. Tutto pur di evitare  un pronunciamento chiaro, numerico, e a norma di statuto da parte dell'Assemblea. Intendiamoci, i delegati presenti erano pochi (se se di volta in volta sono sempre meno un motivo ci sarà, cara Presidente). E magari i presenti avrebbero votato contro le Primarie (appunto). Ma comunque sarebbe stato utile e chiarificatore un voto esplicito. Trasparente.

L'assemblea viene trasformata da organo elettivo di massima democrazia e rappresentatività del PD in Convention. I delegati ridotti a pubblico non pagante delle esternazioni dei dirigenti, se non, non voglio ardire tanto, a claque. E infatti - io che ieri non sono venuto, e lo sapevo che se ci fossi stato non avrei potuto votare...  - ho ascoltato tutto su YouDem. E non sarebbe cambiato nulla se fossi stato a Roma, se non un'alzataccia, qualche euro speso, un po' di amabili chiacchiere con amici e conoscenti... e il fegato ancora piu' in subbuglio per l'incazzatura. Non delusione, quella no... perchè era già tutto previsto!

Almeno, sarebbe serio eliminare l'Assemblea dagli organi del PD e risparmiarsi settimane di congressi, liste, votazioni... Seriamente. Votiamo il Segretario Nazionale con Primarie. E magari  votiamo un centinaio di membri della direzione, direttamente. In primarie  o fra i soli iscritti - ma con un sistema elettorale diverso dall'attuale (ebbene si, se non lo sapete il PD elegge i suoi delegati con un piccolo Porcellum, una 'porchetta').  

Certo, siamo tutti d'accordo. Cambiare la legge elettorale.

Ma quale che sia la futura legge elettorale, questa o altra, pretendiamo che la selezione della classe dirigente e dei candidati avvenga in modo trasparente, aperte e dal basso: cioè con Primarie.

28 settembre 2011
5.000 FIRME RACCOLTE IN DIECI GIORNI IN PROVINCIA DI BERGAMO PER ABROGARE IL “PORCELLUM”
-comunicato stampa n.4 - 

 

Sfiorano quota 5.000 le firme valide (esattamente sono 4.993) raccolte nel giro di dieci giorni dall’iniziativa rilanciata nella nostra provincia da “Prossima Italia”, che ha coinvolto decine di cittadini, 36 circoli del Pd, le formazioni di Sinistra Ecologia e Libertà e di Futuro e Libertà. A queste firme vanno aggiunte quelle sottoscritte direttamente nei comuni e quelle rastrellate da Italia dei Valori, che si è buttata a capofitto nell’impresa. Come hanno dimostrato i referendum dello scorso giugno, soffia un vento impetuoso di cambiamento che chiede di essere colto e trasformato in proposta. I cittadini che si sono affollati ai banchetti non esprimevano disprezzo o distacco dalla politica, ma una decisa ribellione contro “questa” politica, i privilegi e le incompetenze della casta, la sordità alla richiesta di rinnovamento. Non un sentimento antipolitico, quindi,  ma una richiesta di “altra” politica. Aver raccolto in dieci giorni, con un’organizzazione improvvisata e tutta basata sul volontariato, un numero così alto di adesioni è certamente un dato di grande soddisfazione e significato.

 

La bocciatura del Porcellum permetterà che i cittadini tornino a partecipare in modo attivo al governo del Paese scegliendo con il proprio voto alle prossime elezioni politiche (che potrebbero essere anche anticipate) i propri rappresentanti in Parlamento: non saremo più governati da un Parlamento scelto a tavolino dalle segreterie dei partiti, senza alcuna necessità di acquisire il consenso degli elettori. E svincolando gli eletti da uno stretto rapporto con il territorio.

 

Ormai  il raggiungimento delle 500.000 firme è certo e il referendum diventa un grimaldello per i partiti che hanno già cominciato ad agitarsi: o mettono mano alla riforma della legge elettorale “porcata”, o si andrà a votare con il vecchio “Mattarellum”. Che non sarà perfetto, ma è decisamente meglio della legge Calderoli, soprattutto se sarà accompagnato – obiettivo della prossima battaglia di “Prossima Italia” - dall’obbligo per i partiti di organizzare le primarie al proprio interno per individuare i candidati anche per i collegi uninominali.

 

In questo senso il referendum ha già ottenuto la sua prima vittoria, costringendo a riaprire la strada bloccata, imponendo la condanna del 'porcellum', indicando in modo nitido la prospettiva per il suo superamento.

 

 

INFO

internet: www.firmovotoscelgo.it    

face book: 500mila firme per ammazzare il porcellum. Mobilitiamoci anche a Bergamo.

tel: Clemens Dossi 349.3502768 Giovanni Gambaro 348.1533199 Mario Vicini 333.5370833

email: prossfermatabergamo@googlegroups.com

18 settembre 2011
L'escalation

Una escalation francamente inaspettata in queste proporzioni...

gazebo sotto l'acqua che non chiudono per coda...

pacchi da oltre 100 firme anche dai paesini,

migliaia di firme in città...

 


E rimangono due  riflessioni di fondo...

 

1.i partiti, che si voglia o no, non sono più quelli di una volta...se i dirigenti non sanno 'fiutare il vento' la loro stessa base non li segue. Quel meraviglioso corpo collettivo si anima e prende le redini, e traina.

Lo abbiamo visto per l'acqua, lo stiamo vedendo adesso oer il Porcellum e potrebbe essere cosi non solo per i referendum... Sarà cosi! 

 

2. ma dove vivono i nostri dirigenti massimi che continuano ad arzigogolare dotte disquisizioni politichesi?

Abbiamo pontificato tutti per 6 anni sul Porcellum dicendo che va abolito... che "bisogna cambiarlo PRIMA di ANDARE a VOTARE... altrimenti sarebbe una VERGONA..."

Qualcuno propone un referendum per abolirlo... e noi diciamo "SI...MA..."?

E' difficile farsi capire se il nostro linguaggio di declina in maniera cosi' ellittica... davvero molto difficile...

9 settembre 2011
No Porcellum Party! il calendario dei banchetti in Bergamasca
“NO PORCELLUM PARTY”: 
MOBILITAZIONE STRAORDINARIA SABATO 17 E DOMENICA 18 SETTEMBRE






1.500 firme in due giorni, solo in città e solo sui banchetti promossi da ProssimaItalia: a queste firme si aggiungono quelle raccolte da Italia dei valori e da Sinistra Ecologia e Libertà, oltre che quelle consegnate direttamente nei comuni. Come hanno dimostrato i referendum dello scorso giugno, soffia un vento impetuoso di cambiamento che chiede di essere colto e trasformato in proposta.
Ormai il raggiungimento delle 500.000 firme è certo: e il referendum diventa un grimaldello per i partiti. O mettono mano alla riforma della legge elettorale “porcata”, o si andrà a votare con il vecchio “Mattarellum”. Che non sarà perfetto, ma è decisamente meglio della legge Calderoli, soprattutto se sarà accompagnata – obiettivo della prossima battaglia – dall’obbligo per i partiti di fare le primarie al proprio interno per individuare i candidati all’uninominale.

Sabato 17 e domenica 18 settembre sarà effettuato il rush finale al quale hanno aderito molti Circolo PD della provincia e tantissimi democratici: subito dopo, infatti, vanno raccolti i certificati elettorali e inviato il tutto a Roma, per la presentazione entro il 30 settembre alla Corte di Cassazione. 

Ecco dove si potrà firmare:
 

SABATO 17 Settembre

BERGAMO
Mercato dello Stadio lato Lazzaretto dalle 9 alle 12
Via XX Settembre (UNIEURO) mattina e pomeriggio
piazza Vecchia  mattina e pomeriggio
TREVIGLIO
mercato di piazza Cameroni al mattino
PONTERANICA
Piazzale del Mercato ed il Bopo (via Valbona e via Concrdia) al mattino
NESE
Mercato Nese 19.30 alle 12.00
ALZANO LOMBARDO 
Piazza Italia  dalle 15.00 alle 19.00
GRONE
piazza del paese dalle ore 9.00 alle 12.30 e dalle ore 14.00 alle 18.00
SERINA
Presto QUI il dettagli
VERDELLO
Circolo del PD, dalle 19 in concomitanza con la Notte Bianca dello Sport
VILLONGO
Sabato 17  h. 9/12 - al mercato
URGNANO
nella piazza della farmacia,  dalle 8 alle 18


DOMENICA 18 settembre

BERGAMO
Sentierone (Vedovella) mattina e pomeriggio
Piazza Vecchia mattina
TREVIGLIO
Piazza Manara (tutto il giorno)
ALME'
Circolo PD in piazza Lemine (gia' Unita')
dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 19.30
CURNO
dalle 9 alle 12 davanti alla Chiesa della Marigolda
ALZANO SOPRA
Via Piazzoli  dalle 09.30 alle 12.30
GRONE
piazza del paese dalle ore 9.00 alle 12.30
PRESEZZO
Piazza PAPA Giovanni XXIII dalle 8 alle 12
TRESCORE BALNEARIO
Via Locatell di fronte al comune: dalle ore 8.00 alle ore 13.00
BRIGNANO
piazza Monsignor Cesare Donini dalle 8 alle 12
SOLZA
piazza principale dalle 8 alle 12
ROMANO di LOMBARDIA
via Dante Alighieri (dalle 9 alle 12 ) a lato della chiesa di s.Pietro e Paolo
BAGNATICA
dalle 9 alle 12 a fianco dell'edicola
Invitati i cittadini dei paesi di Bagnatica, Brusaporto, Costa di Mezzate e Montello
URGNANO
nella piazza della farmacia,  dalle 8 alle 12
VALSERINA
Algua  dalle 9.00 alle 12.00
 

LUNEDI 19 settembre
BERGAMO
Mercato della Malpensata dalle 9 alle 12


A breve dettagli sulle iniziative di
 Albino, Trescore, Cologno,  Valnegra, Castel Rozzone, Pontida, Ciserano, Clusone, Romano, Caravaggio
 

Consulta QUI il VADEMECUM
2 settembre 2011
Comunicato Stampa - Firmo voto sceglo

FIRMO, VOTO, SCELGO.

 

Mai più a votare con la legge “porcata”.  E’ partita la raccolta di firme per i due referendum  abrogativi della legge elettorale vigente, che regala una maggioranza spropositata a chi ha la maggioranza relativa dei voti ed espropria gli elettori di ogni possibilità di scegliere gli eletti.

 

In un momento drammatico come questo, con il Governo italiano commissariato dall'Europa, il Paese ha più che mai bisogno di un Parlamento pienamente rappresentativo, capace di prendere decisioni impegnative ma condivise da tutti.

 

Affidando la nomina dei parlamentari a pochi capipartito, la legge elettorale nota come ”porcellum” li ha separati dai cittadini, facendoli apparire come una casta di privilegiati.

 

Vogliamo impedire che la "legge porcata" sporchi anche il prossimo Parlamento: lo dicono in troppi da sei anni, ma il “porcellum” è ancora lì.


In attesa (e speranza) che il Parlamento discuta ed approvi una riforma (e anche la riduzione del numero e dei privilegi dei parlamentari, la trasformazione del Senato in  Camera delle Regioni…) gli aderenti a “Prossima Italia” della provincia di Bergamo hanno deciso di impegnarsi nella raccolta di firme. L’obiettivo è ambizioso e i tempi stretti, vanno raccolte 500.000 firme in tutta Italia entro il 30 settembre per poter effettuare il referendum nella primavera 2012, prima delle prossime elezioni.

 

Da ricordare che si può comunque firmare in tutti i Comuni.

 

Sotto l’effetto del referendum tornerà in vigore la legge Mattarella, che prevede l’elezione con collegi uninominali del 75% degli eletti e con sistema proporzionale del 25%: una legge migliore dell’attuale ma comunque perfettibile sotto la spinta dell’esito referendario. Ad esempio prevedendo obbligatoriamente le primarie all’interno dei partiti per la scelta dei candidati.  

 

L’obiettivo fondamentale è che i parlamentari siano scelti dai cittadini.

 

Come ha detto Romano Prodi firmando il referendum: "La legge elettorale in vigore è iniqua e va cambiata per dare stabilità e forza alla nostra democrazia".

 

Tutti i cittadini, i partiti, le associazioni disponibili a uno sforzo civico straordinario nel mese di settembre rivolto a raggiungere l’obiettivo sono invitati all’incontro che si terrà martedì 6 settembre alle ore 20.45 presso l'Auditorium della Circoscrizione 1, in via Furietti (Malpensata).

 

- Firmiamo per consentire al popolo di abrogare questa legge.

-  Firmiamo per ridare al cittadino il diritto costituzionale di scegliere i propri rappresentanti attraverso i collegi uninominali ricostruendo un rapporto diretto tra eletti ed elettori. 

-  Firmiamo per rafforzare e migliorare il sistema bipolare italiano e assicurare l'alternanza politica, consentendo ai cittadini di scegliere i parlamentari e chi deve governare il Paese.

 

 

Per info: www.firmovotoscelgo.it          

 

 

Facebook: 500mila firme per ammazzare il porcellum. Mobilitiamoci anche a Bergamo.

 

 

Tel: Roberto Cremaschi 345.3390414     Giovanni Gambaro 348.1533199     Mario Vicini 333.5370833



sfoglia
dicembre        aprile